Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

IL CONDOMINIO " LIBERA "

Pubblicato su da PAOLO

TUSCOLANO 12

TUSCOLANO

UNITA’ DI ABITAZIONE ORIZZONTALE

VISITIAMO IL PIU’ GRANDE INSEDIAMENTO INA CASA DI ROMA CHE  HA AL SUO INTERNO UN COMPLESSO EDILIZIO UNICO IN TUTTA ITALIA

PREMESSA

Il quartiere Ina Casa Tuscolano si trova nel quartiere omonimo che fa parte del X municipio del Comune di Roma (Km 8 dal Colosseo). Si tratta del più esteso insediamento abitativo realizzato dall’Ina Casa a Roma, occupa un’area di 35,5 ettari, comprende 3.150 alloggi, ospita circa 18.000 abitanti

TUSCOLANO I  
è stato realizzato tra il 1950 e il 1951, rappresenta un collage di edifici
diversi progettati da vari architetti all’interno del PRG, ma senza un progetto urbanistico complessivo. Si estende nel perimetro compreso tra la via Tuscolana
, via del Quadraro, via Giulio Agricola, il parco degli Acquedotti fino a ritrovare via del Quadraro. Al suo interno comprende intensivi, palazzine e villini.


 Il TUSCOLANO II

è stato realizzato tra
il 1950 e il 1952 con una forte volontà di pianificazione, il progetto urbanistico è di Mario de Renzi
  e Saverio Muratori  , con i collaboratori Lucio Cambellotti, Francesco Fariello, Adalberto Libera, Giuseppe Perugini, Giulio Roisecco, Dante Tassotti, Luigi Vagnetti. L’insediamento occupa una superficie di 26 ha per un totale di 11.500 abitanti. I progettisti hanno voluto disegnare un quartiere compiuto e con un’elevata complessità del tessuto edilizio. L’asse mediano del quartiere è costituito da via Sagunto  che congiunge l’edificio a V con l’Unità di abitazione orizzontale. Lungo i lati esterni vengono posizionate le case a torre quasi a marcare il confine del quartiere Ina Casa. La strada che taglia a 90° la precedente è via Erminio  , così il quartiere è ripartito in quattro settori nei quali trovano posto gli edifici in linea progettati dai collaboratori. Gli spazi aperti sono di due tipi: o giardini condominiali o pubblici. Il quartiere rimane ancor oggi incompiuto per la mancanza delle strutture pubbliche previste: centro sociale, cinema – teatro, e la stessa chiesa che è una cripta; così la piazza è uno spazio irrisolto, senza identità. 

Il TUSCOLANO III o UNITA’ DI ABITAZIONE ORIZZONTALE

si trova in
via Selinunte 49, è stato costruito tra il 1950 e il 1954 su progetto di Adalberto Libera
  . Il quartiere è racchiuso da un muro, l’entrata è messa in asse con via Sagunto, è rimarcata da un arco ribassato, ed ha ai lati una pensilina con negozi e servizi. Il complesso si compone di 200 alloggi (circa 1.000 persone) a un piano ognuno dotato di un patio, questi alloggi sono preceduti da un giardino centrale piantato con pini marittimi che si contrappongono alla vegetazione minuta dei pati. Un edificio a ballatoio – sulla sinistra - è sovrapposto al tessuto di case basse. “Un singolare complesso a formato ridotto dove si vuole che l’individuo, pur sentendosi parte della collettività, possa disporre di una casa tutta sua” . Nel panorama romano, e non solo, l’unità orizzontale di abitazione è rimasta un episodio isolato.

Commenta il post